Home » » Porti, Unindustria plaude all'intesa tra Lazio e Abruzzo

 

Porti, Unindustria plaude all'intesa tra Lazio e Abruzzo

CIVITAVECCHIA - “Apprendiamo con soddisfazione la firma dell’intesa tra il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e quello della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso per il passaggio dei porti di Ortona e Pescara all’ Autorità portuale del Tirreno centro-settentrionale con sede a Civitavecchia: Unindustria ha da sempre sostenuto fortemente questa scelta ed ora ci auguriamo che il Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio esprima parere favorevole a tale trasferimento e che il tutto possa avvenire in tempi brevi ed in conformità a quanto previsto dalla nuova disciplina portuale". 

Lo conferma il presidente della sede Unindustria Civitavecchia Stefano Cenci, sottolineando come il collegamento fra il Mar Tirreno ed il Mar Adriatico consentirebbe all’Italia centrale, mediante le Regioni Lazio e Abruzzo, di operare come ponte naturale tra l’Europa Occidentale e i Balcani, o comunque con l’Oriente.

"Questo collegamento funzionale - ha aggiunto - si presenta inoltre perfettamente in linea con la politica europea dei corridoi favorendo ed incrementando la ripresa dei traffici dei rispettivi porti. Si potrà dare continuità, ad esempio, al traffico navi ro-ro e ro-pax proveniente dalla penisola iberica con i veicoli poi diretti ai Balcani/Oriente e che, ora, si avvalgono di altri porti. Sotto questo profilo il collegamento Civitavecchia-Ortona/Pescara ridurrebbe anche la circolazione dei mezzi pesanti sulle strade con evidenti benefici sia per l’ambiente che per la sicurezza della circolazione. Tra l’altro, è condivisibile l’auspicio di un compiuto collegamento infrastrutturale trasversale tra Mar Tirreno ed Mar Adriatico (completamento Fondo Valle Sangro, sistema autostradale A24/A25, SS652) affinché le connessioni con la sponda balcanica siano effettivamente realizzabili. Crediamo che lo scalo laziale ed i porti abruzzesi svilupperebbero una complementarietà in grado di valorizzare le vocazioni dei territori e di chi vi opera senza determinare problematiche di concorrenzialità – ha concluso Cenci - inoltre avere un unico interlocutore istituzionale in grado di sviluppare una visione di sistema più ampia, contribuirà a favorire da un lato, investimenti mirati, e dall’altro, l’uso razionale degli spazi portuali e retroportuali; il tutto con evidente beneficio degli operatori e degli imprenditori che vorranno investire in tali porti”. 

 

(21 Ott 2016 - Ore 17:01)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy