Home » » Gdf, Analisi di laboratorio gratis all'ospedale Belcolle: denunciate due persone

 

Gdf, Analisi di laboratorio gratis all'ospedale Belcolle: denunciate due persone

Centosettanta persone segnalate, tra cui medici, infermieri e dipendenti pubblici. Avrebbero effettuato analisi del sangue e di laboratorio per se stessi, ma anche a favore di conoscenti, amici e parenti, anche per analisi di routine e del valore di pochi euro. Le accuse contestate sono quella di truffa ai danni dello Stato e falso in concorso

VITERBO - Sono 315 le analisi di laboratorio eseguite abusivamente a danno dell'ospedale Belcolle di Viterbo. Questi i risultati di un’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza di Viterbo e coordinata dal pm d.ssa Paola Conti della Procura della Repubblica di Viterbo, che ha scoperto una falla nel sistema di controllo ed esecuzione delle analisi cliniche interne alla struttura sanitaria.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, le 170 persone segnalate, tra cui medici, infermieri e dipendenti pubblici, avrebbero effettuato analisi del sangue e di laboratorio per se stessi, ma anche a favore di conoscenti, amici e parenti, anche per analisi di routine e del valore di pochi euro. Le accuse contestate sono quella di truffa ai danni dello Stato e falso in concorso.

Secondo quanto ricostruito dal Nucleo di polizia economico finanziaria, a seguito di un monitoraggio di oltre 3.000 nominativi presenti negli archivi Asl, verificati i presupposti di circa 12.000 esami eseguiti dal laboratorio di analisi del nosocomio di Viterbo, è stato scoperto che, in un solo Dipartimento dell’ospedale, 170  persone hanno abusivamente usufruito di prestazioni sanitarie a carico dell'Ospedale, senza pagare il ticket sanitario, evitando code e saltando l’ordinaria procedura di prenotazione.

L’indagine è partita da una precedente inchiesta, eseguita dalle Fiamme gialle di Viterbo in materia di assenteismo presso la Asl, che aveva evidenziato alcune irregolarità procedurali all’interno di un Dipartimento di Belcolle. Il sistema scoperto dai finanzieri, con la collaborazione della Direzione generale ed ammnistrativa dell’Asl, ha permesso di rilevare che numerose analisi richieste dal citato Dipartimento non riguardavano i pazienti ricoverati, pertanto sono risultate prive dei presupposti per accedere alla procedura preferenziale.

In merito all’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza, e coordinata dalla Procura della Repubblica di Viterbo, la direzione strategica della Asl di Viterbo, confermando il rapporto di collaborazione intercorso con gli inquirenti, ringrazia per il capillare lavoro svolto dal quale è emerso un fenomeno che, "seppur circoscritto nei numeri, è comunque inaccettabile e intollerabile".

"La Asl di Viterbo,- è riportato in una nota - già da ora, si impegna a intraprendere nelle sedi opportune tutte le azioni legali finalizzate al recupero del danno erariale subito e alla salvaguardia dell’immagine dell’azienda e dei suoi dipendenti".

(15 Mar 2019 - Ore 15:50)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.


Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi - Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy