Home » » Ferri, una giornata con l’incubo del virus

 

Ferri, una giornata con l’incubo del virus

Aurelia hospital. Il medico civitavecchiese in isolamento per 24 ore dopo aver visitato una paziente sospetta

CIVITAVECCHIA - Ventiquattr’ore in isolamento con l’incubo di aver contratto il coronavirus nel visitare una paziente con una anamnesi positiva. Germano Ferri, trentenne medico civitavecchiese in servizio al pronto soccorso dell’Aurelia Hospital, alle porte di Roma, ha titato un sospiro di sollievo solo ieri in serata, quando dallo Spallanzani è arrivato l’esito dei tamponi, per lui e gli altri colleghi che erano venuti a contatto con la donna che poteva essere malata: tutti negativi. Ferri, molto noto a Civitavecchia anche per il suo impegno politico (negli anni scorsi è stato segretario del Pd), non può rilasciare dichiarazioni senza l’autorizzazione della direzione sanitaria del nosocomio.

«Sono state - si limita a dire - le ventiquattr’ore più lunghe che io ricordi, vissute nell’ansia di conoscere il responso dei tamponi, ora però sono felice che nessuno sia stato contagiato e che anche la paziente non abbia contratto il virus».

Gli altri particolari della notizia, si possono apprendere da fonti dell’ospedale. Il primo allarme era stato lanciato dal sito Dagospia, che nella tarda mattinata di ieri aveva dato la notizia della chiusura del pronto soccorso dell’Aurelia Hospital, a causa di un sospetto caso di coronavirus. Poi era stato lo stesso Ferri, su Facebook, a spiegare cosa fosse successo, dicendo che si trovava in isolamento in attesa dell’esito delle analisi.

Lunedì sera una donna, italiana, si era presentata al pronto soccorso con i sintomi tipici della malattia: febbre, problemi respiratori, e soprattutto, di rientro da un viaggio in una zona “rossa” e a contatto con un paziente risultato positivo. A quel punto è scattato il protocollo che ha portato al trasferimento della signora allo Spallanzani e all’isolamento di tutto il personale  che era entratto a contatto con lei. Fino al “via libera” che ieri sera ha consentito a Germano di rientrare a Civitavecchia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

(26 Feb 2020 - Ore 08:52)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.


Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio - Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy