Home » » Civitavecchia, Codacons: "Basta nomine clientelari nei porti"

 

Civitavecchia, Codacons: "Basta nomine clientelari nei porti"

L’associazione, attraverso il presidente e la responsabile porti e logistica Sabrina De Paolis, ha inviato la segnalazione ai componenti delle Commissioni trasporti di Camera e Senato, alla vigilanza sulle Autorità portuali del Mit e all’Autorità nazionale anticorruzione. 

CIVITAVECCHIA - Il Codacons chiede il blocco delle nomine clientelari nei porti italiani non basate sui requisiti previsti dalla normativa. L’associazione, attraverso il presidente e la responsabile porti e logistica Sabrina De Paolis, ha inviato la segnalazione ai componenti delle Commissioni trasporti di Camera e Senato, alla vigilanza sulle Autorità portuali del Mit e all’Autorità nazionale anticorruzione. 

Il Codacons scrive nella sua istanza di aver ricevuto segnalazioni su alcuni nominativi che sembrerebbero non possedere i requisiti richiesti, tra cui la “Comprovata esperienza e qualificazione professionale nei settori dell’economia dei trasporti e portuale”.

“Da molti dei curriculum – spiega il Codacons - pubblicati in rete di alcuni soggetti che hanno inoltrato le manifestazioni di interesse al Mit, risulterebbe una manifesta ed acclarata incompatibilità con quanto disposto dall’articolo 8 della decreto. Di contro sembrerebbero essere esclusi presidenti uscenti di Autorità portuali che tanto hanno fatto per lo sviluppo del sistema portuale italiano ed europeo e dei Porti che hanno amministrato”.

L’associazione chiede quindi che i requisiti dei candidati siano valutati in base all’articolo 8 e di: “Non avallare nomine in palese e comprovata incompatibilità per cumulo di impieghi e incarichi; verificare – aggiungono dall’associazione - le dichiarazioni fatte dai candidati; adottare i suddetti criteri di valutazione al di là delle logiche politiche. Le nomine nei porti italiani sprovviste dei requisiti di legge costituiscono un abuso d’ufficio e una violazione dell’articolo 97 della Costituzione – concludono – In caso di omissioni e violazione delle norme, l’Anac e la magistratura dovranno intervenire, mentre l’associazione si riserva la possibilità di impugnare al Tar le nomine illegittime”.

(07 Nov 2016 - Ore 16:51)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy